• nene823

La dea bianca – Archetipo divino femminile primario


La dea bianca – Archetipo divino femminile primario

Questi studi si basano su vari pantheon, non solo quello romano — greco, che è quello che noi occidentali abbiamo più fortemente presente a livello archetipico. Le Dee greche risuonano molto in noi occidentali: è la nostra matrice culturale, ma tutto questo non esclude divinità — archetipi di altre culture, perché magari molte si ritroveranno in quelle.

Quindi ha preso tanti aspetti, questa Dea, ed è stata messa forzatamente in dei ruoli prefissati; e, guardate caso, il Dio maschile s’è preso una prerogativa che è femminile, quella di creare la vita. È diventato lui il creatore, improvvisamente, e lei, la Dea, è diventata moglie, viene relegata in uno spazio delimitato, casalingo; oppure, un altro tipo di donna, di cui parleremo sempre oggi, non supera un’altra soglia che è quella del tempio. Ecco che abbiamo le mogli, le madri e le vergini.

Dea ti ringrazio per tutti i momenti che passiamo insieme, non mi fai mai perdere il piacere della corsa, del vento che scorre nella pelle, del cuore che batte forte, del corpo che sento vitale, fammi godere anche del piacere della compagnia di tutti coloro che ho intorno, della gioia e della spontaneità, ricordami che tutti abbiamo i nostri umori e che siamo fatti di carne e siamo fatti di passione, aiutami a non perdere la tua bellezza e i tuoi occhi nei piaceri della corsa, donami ristoro quando sono stanca, ricordami chi sono, grazie

Tarika Di Maggio

14 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti