• nene823

Che cos’è il Santo Graal? Cosa vuol dire “essere puri di cuore”? io vi propongo di fare il Mantra de



Che cos’è il Santo Graal?

La Coppa per antonomasia . . . siamo nell’Acqua quindi l’oggetto Sacro è sicuramente la Coppa, con la quale, in generale, si facevano le “libagioni”, cioè venivano versate le acque sacre, noi abbaimo mantenuto la tradizione tramite il “brindare”. Che cosa era raccolto nel Santo Graal? Non semplicemente “il sangue di Cristo”, ma il “sangue delle ferite di Cristo”. E c’è tutta questa bellissima storia della ricerca del Graal e del premio dell’immortalità ricevuto da chi lo avesse trovato. Quando si parla di Cristo, si parla di un Avatar molto legato al Cuore, alla Compassione . . . molto forte… Tutta la ricerca del Graal è bellissima . . . si perdono nei labirinti . . . Lancillotto che tradisce Artù seducendo Ginevra . . . camuffamenti e complicazioni varie che simbolizzano la complessità del le relazioni . . . sono tutti simboli iniziatici . . . attraverso i quali si comprende come i Templari proiettassero all’interno della ricerca stessa del Santo Graal, strumento sacro di potere e trasformazione, tutti i loro attaccamenti, le loro deviazioni . . . e invece, lo trova Parsifal che è l’ultimo arrivato ed è un selvaggio, che gli altri Templari neanche volevano con loro . . . ma Parsifal, noncurante ed infaticabile, li rincorreva a piedi . . . vero e proprio “Uomo Verde”, simbolo delle divinità pagane, pre-cristiane.

Perché proprio Parsifal? Perché solo colui che ha il cuore puro è può raggiungere la Sacra Coppa e capirne il segreto. Il Cuore è il sacro contenitore dei nostri liquidi . . . è l’unica cosa che non si comanda . . . noi, nel nostro stravolgimento attuale, siamo riusciti a controllare anche quello!! Cosa vuol dire “essere puri di cuore”? Allora, se il cuore da e riceve nella stessa maniera, va tutto bene . . . gli esercizi di oggi sono stai tutti orientati ad “allineare il ritmo del dare e del ricevere” . . . il nostro cuore comincia a battere non appena prendiamo vita nell’utero e lì incomincia il suo battito continuo, fino all’ultimo respiro, e tutti i nostri fluidi sono tenuti in circolo.

… L’amore incondizionato è il continuare a dire “yes”: … io vi propongo di fare il Mantra del “si”, che secondo me può essere positivo, che non è la sciocchezza del pensiero positivo!! Provare a fare il mantra del “Si” una volta al giorno, può essere interessante: a ciò che mi disturba, inv ece che continuare reagire, aprire e dire “Si”. Acqua che scorra. Intanto vi deve servire a fermarvi rispetto alla reazione che vi scatta: basta che vi rendiate conto che lo state facendo. Questa cosa è dolorosa non la posso accettare??? Ok, si. Rimanere i n aperture, riconnettendosi alla Sorgente, permettendole di ripulirci e guarirci.

C’è un ostacolo che mi sta fermando, rallentando, creandomi dolore, disagio . . . ?

Provo a dire “Si”.

Posso decidere, in questo momento, di entrare in accettazione, dicendo “si” a questa

cosa, senza dare ragione a nessuno, semplicemente scollegandomi dalla reazione e

dal gioco “chi ha torto, chi ha ragione”.

Tarika Di Maggio

27 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti