Canalizzazione effettuata da Tarika di Maggio per A.M.A. Gennaio 2018

 
 
 
Sono un portatore di tunica, sono un portatore di un antico/moderno linguaggio, sono un portatore di
percezione e verità. Verità, che parola sacra, verità, che sorgente illimitata di ispirazione. La verità non è degli uomini, la verità è della luce alla mattina che brilla nelle menti superiori il resto è la sfaccettatura della luce alla mattina che brilla nelle menti di ognuno di noi. Mi piace brillare, mi piace parlare
da molto molto tempo, mi piace parlare con il pensiero mi piace parlare chiaramente con la mente
e molto spesso mi rendo conto che non siete più consapevole di quante delle nostre comunicazioni passano attraverso di noi verso le vostre menti come una rete, un sistema trasmittente costante. Ci idealizzate, ci proiettate lontanissimi, ci esaltate, e non sentite la nostra presenza anche se molto difficile da percepire costantemente in connessione a un livello leggermente più sottile con voi. Siamo una grandissima, grandissima alleanza di anime, siamo illimitate, infinite, indefinite quando scendiamo qua da voi, riusciamo a ricordare e percepire qualche forma, una forma più piacevole, più adattabile ai vostr
i occhi.
 
Non tutti noi si sono incarnati, non tutti i noi hanno avuto il desiderio, il piacere ed il diritto ed il dovere di scendere materialmente nel piano terreno per offrire la propria esperienza. Alcuni di noi hanno interagito e continuano ad interagire nelle varie direzioni e dimensioni, senza necessità di un'incorporazione, ma non per questo siamo meno presenti, meno fisici anche in questa vostra terra. Non parlate di cose inutili, come vita extraterrestre, ma cosa pensate di essere voi terrestri per definire extraterrestri? Siamo entità, entità di tante sfaccettature e di tante possibilità ma quando desideriamo riusciamo a comunicare attentamente con voi altri. Ecco, io vibro in questa terra e altre dimensioni senza il bisogno di un corpo anche se mi piace mostrarmi a voi come un corpo di un uomo con la
tunica ed i capelli molto lunghi invece...
questa è una delle forme che so che da meno fastidio e quindi la utilizzo spesso. Il corpo che abbiamo non è nemmeno la luce come vi piace definire ma è la possibilità di assumere forme a seconda dell’esigenza e della necessità. Oggi vi do un messaggio dalla dimensione molto alta, so’ che non è facile
è compressibile ai più... ma vorrei proprio portarvi in una percezione che la forma umana non è l’unica forma, per favore, in iziate a percepirci non sempre dal vostro livello, dalla vostra mente dai vostri schemi di interpretazioni, dalle vostre percezioni, dalle vostre interpretazioni. Provate a percepirci
per quello che siamo e che vibriamo comunque in accordo, in amore, in bellezza, in profonda comunione con voi. Da questo piano, tante cose da parlare, da spirito a spirito, da entità limitata a entità il limitata in questo momento senza nessuna differenza, sono qui per riportarvi questa possibilità che vibra costantemente dentro di voi aldilà delle forme di carne che avete desiderato continuare a rivestire tempo dopo tempo, e non solo di carne, forme di materie molto strane, ma sempre che hanno contenuto quello che voi siete, tempo dopo tempo. Si guardo intorno a voi vedo una profonda difficoltà nel sentire questa
semplice naturale verità, è la prima cosa da ricordarsi quello che realmente siamo, quello che realmente siete. Passate del tempo solo a riportarvi questo, quello che realmente siete, e che assomiglia a quello
che anch’io sono.
Non ho molto altro da dire, ma sono disposto ad ascoltare e a parlare.
 
DOMANDE
Domanda di L.
Sono molto contenta, sento molto vicino quello che dici e questo mi fa pensare che i nostri spiriti son
o, forse, più intelligenti che poi noi siamo nella carne. Ti voglio chiedere se i nostri spirito, se il mio spirito riceve messaggi e comunica con gli altri spiriti indipendentemente della mia volontà, dalla mia coscienza?
Risposta della Guida
È proprio quello provavo di spiegare. Esistono delle intercapedini tra i vostri pensieri ed i nostri
all’interno di quel vuoto ci incontriamo, molto più spesso di quello che pensate. A volte, potete dire che state sognando o che state meditando, ma non è necessario la forma accade...
con molta più frequenza è quasi costante che fra la vostra interazione ed i vostri pensieri, ci sono,
durante le ordinarie vostre giornate e notti connessioni.
Io spesso mi immagino cjhe siamo come guancia a guancia, in una moltitudine di spiriti che stanno abbracciati molto stretti fra di noi, e mi sembra di aver sentito ogni tanto la sensazione di amore, quel amore di qui si parla, profondo come quando guardi la natura. Tu mi puoi confermare che in quei momenti ho una percezione più vicina a voi o è solo una mia visione romantica?
Non capisco guancia a guancia, ma quello che sento in quello che dici è il tuo anelito di noi. È
la nostra risposta.
(silenzio)
Qualcuno via ha insegnato a pensare che siete solo dei poveri umani, non è così.
 
Domanda di L.
Qualcuno ci ha insegnato a pensare che siamo dei corpi, poveri corpi e poi siamo degli spiriti, invece queste due cose sono insieme, giusto?
Risposta della Guida
Io non conosco il corpo... quello che vedo anche in te è solo lo spirito, non conosco il corpo. Quello che so’ è che è una esperienza che è diventata sempre più densa.
L’evoluzione che vi hanno raccontato è inversa, ci sono sempre state attraverso quello che voi chiamate corpo delle informazioni che vi hanno fatto assolutamente trasformare questo veicolo in qualcosa di rigido, rifiutato, ottuso, bestiale e non semplicemente come il veicolo divino di un essere divino.
(silenzio)
....Pesante questo corpo....
(silenzio)
Continuo a parlare con te... mentre lo ascolto attraverso il mezzo che mi ospita sento così tante scollature, parti molli, parti pesanti, parti dure che possono un po’ intrappolare la coscienza... capisco...ma è parte di quella cattiva informazione che è stata data.
Siete tanti in questo momento ancora poco risvegliati, ma tanti desiderosi e curiosi, tanti con quello anelo verso il cielo da quanti siete ricordati il cielo, da sempre guardate il cielo.
 
Domanda di L.
Perché per noi è così difficile ricordare il nostro stato spirituale?
Risposta della Guida
È una storia personale, a volte delle vostre leggende l’ha descritta. Più si crede a questo, più è difficile ricordare l’altro è proprio un legame, un profondo legame. Ma la nostalgia alberga sempre nel cuore,
non è vero? E quella nostalgia vuole risvegliare il ricordo, ogni volta il ricordo di quello che eri, per la nostra verità.
- Dici che sei stato sulla terra con una tunica...? -
Virtuale, non mi sono incarnato mai. Ma, sono stato qui e mi mostro con una tunica e non ho niente a che fare con i vostri santi. La tunica vi rassicura... così mi ricordo.
 
Domanda di L.
Molte persone oggi cercano di avvicinarsi a questo mondo attraverso la meditazione, e io guido
un ciclo di meditazione, hai delle parole da suggerirmi, per guidare meglio, per avvicinarmi meglio
a questo spirito oppure può essere cercare di ricordarlo?
Risposta della Guida
Ricordare le qualità dello spirito che non sono intellettualità ma sono qualità essenziali...
un consiglio? Aiutare a condurre attraverso la esperienza dello spirito no è istigare le fantasie, ma è percepire sempre di più quello che realmente siamo. Arriva un momento che quando l’esseri umani percepiscono la vastità del loro spirito cadono terrorizzati, va superato quel momento. Comprendi?
 
Domanda di I
Mi è piaciuto moltissimo il discorso sulla vibrazione sul risuonare per comunicare, e quello che ti chiedo è, quando ci arrivano delle intuizioni che non possono essere, diciamo, pensate da noi intervenite per
comunicare?
Risposta della Guida
Io non appartengo ai comunicatori, potrei dirti che appartengo a quelli che risvegliano la percezione
di quello che siete. La mia vibrazione è quella che ha altri, quella che quando le nostre menti si congiungono alle vostre voi sentite l’apertura del vostro spirito. Sentite il vostro cuore, sentite tutto ciò che si innalza verso qualcosa di più alto, sentite la connessione anche fra di voi in una qualità diversa. Questo è quello che io e altri offriamo qui sulla terra a voi, come mandare questi segnali affinché voi possiate riconnettervi e riconnetterci. Non è tanto il messaggio, per noi il messaggio non è importante.
 
Domanda di L.
Volevo chiederti, io questa connessione l’ho sempre sentita questo sistema di comunicazione che mi arrivate in sogni o con l’intuito, insomma, fin da quando ero piccola anche se sempre ho avuto il dubbio che fosse fantasia, ma lo so’, che non lo era. Ma volevo chiedere come fare a restituire tutto quello che ci arriva...
Risposta della Guida
Noi non mandiamo messaggi.... Quello che io oggi vi porto, come entità spirituale, è la qualità di un’altra
tipologia. Siamo moltissimi connessi tutti insieme, io non porto messaggi, non porto sogni e non porto
visioni. Porto quella vibrazione, quella scintilla, quel pizzicore che vi fa ricordare chi voi siete.
Ma noi possiamo restituire in questo scambio? Non esiste dare o ricevere da dove noi siamo.
Non c’è bisogno. Accade già da se, quando quelle scintille si uniscono, accade già da se. A voi sembreranno attimi di poco valore, ma per noi sono incontro totale. Vibriamo nello stesso attimo di scintilla d’amore.
 
Domanda di L.
 
Se tu puoi vedere adesso i nostri spiriti, sono spiriti che stanno bene? Che soffrono molto della materia?
Stanno facendo quello che dovrebbero fare?
Risposta della Guida
Sai già cosa ti risponderei. Quanto tempo dedicato alla materia? Quanto tempo dedicate allo spirito? Quanto tempo dedicate alla connessione universale di quello che vi apre?
Quanto tempo dedicate a tutto il resto? Vi parlo di tempo perché per voi il tempo è interessante, il tempo diventa denaro anche se non capisco questa parola che gira sempre fra di voi, il tempo è prezioso, il tempo...il tempo. Allora usate questo valore per capire cosa state facendo al vostro spirito, anche se
a spirito non riuscite a fare niente anche quando vi accanite.
Ok, quello che volevo risponderti è da una parte non vi limita l’essere luminoso che è dentro di te d
andogli un assoluto predominio sulla tua vita. D’altra parte il tuo spirito non è toccato da qualunque
altra cosa tu possa fare o procurare e perché nella parte più profonda rimarrà sempre intoccato, è scintilla divina.
(silenzio)
Anche se è faticoso stare qua... quindi fra poco me ne andrò. Se volete chiedermi altro...preferisco stare
accanto senza stare così vicino al corpo. Stare qua, costellazioni.
 
Domanda di L.
Se noi ti pensiamo tu senti?
Risposta della Guida
Ho già spiegato no? Io e te. E non sono solo.
 
Domanda di M.
Mi è rimasta una frase di prima... quando hai parlato della cosiddetta luce, come se fosse, non lo so, un
altro equivoco da cui abbiamo bisogno, un’altra cessione per comprendere le cose che non abbiamo dato
noi un valore?
Risposta della Guida
Provo a ,spiegarti con questa immagine e sensazione: Potrei essere e mostrarmi in questo momento come un essere di alabastro luminoso, squillante, che emana una cascata gorgogliante di dolcissimi suoni e vibrazioni che ti fanno sorridere. Potrei manifestarmi come un essere oscuro, profondo intenso,
avvolgente, carico di una pace e un silenzio interiore, annichilente, ma allo stesso momento portentoso
e sarebbe la stessa cosa.
 
Domanda di F.
Quando comunicate con noi, quando mettete queste vibrazioni vicino alle nostre nelle intercapedini, accade perché è un momento in cui ne abbiamo bisogno... o per caso?
Risposta della Guida
Ti faccio un esempio: un fiore si apre e spande il suo profumo, e incontra il profumo degli altri fiori. C’è scelta? C’è intenzione? No, e così è per noi. Siamo parte, e in quello che ti dico, non riesco a comunicare
che c’è il piacere dello scambio, perché è superato il piacere dello scambio dalla profonda certezza della verità che ci unisce sempre.
 
 
Domanda di L.
Noi viviamo nel tempo, pensi che ritornare? E così noi in questo tempo, magari, riassorbiamo tutto quello che ci hai detto?
Risposta della Guida
Torno. Non sono in quale vostra frequenza ma tornerò
 
 
Tarika Di Maggio è medium, ricercatrice metafisica e fondatrice di A.M.A. Accademia di Metafisica Applicata, e per essa è docente senior. E' attiva da più di venticinque anni nel campo della medianità, delle energie sottili, delle regressioni a vite precedenti. Conduce seminari sugli archetipi divini e sulle altre dimensioni dell'esistenza, su Magia ed altro.