Canalizzazione effettuata da Tarika Di Maggio per AMA in settembre 2018

 prima parte

 

Mi sono occupata di morte in vita e mi occupo di vita nella morte. Quello che vi porto è proprio un messaggio di profonda riflessione su questa straordinaria sorgente di energia che è collegata alla morte.

Quante parole sento salire, quante paure vedo ancora muoversi in voi, quante vibrazioni di terrore oppure semplicemente di io ignoro. Vi pongono rispetto a questa straordinaria sorella

nella errata posizione. Costantemente siete inevitabilmente costretti ad incontrare un processo simultaneo, istintivo, diretto, veloce di morte continua. Voi lo sapete a livello cerebrale, lo sapete a livello scientifico, lo sapete a livello filosofico, lo sapete a livello ideologico, eppure non vi permettete di sentire con quanta grazia, amore, dedizione e cura agisce questa energia che chiamate morte sulla vostra vita costantemente. Non spazza via niente, non taglia, non separa, non uccide, non annulla, non oscura, la morte semplicemente permette al vuoto di entrare affinché una scintilla di luce ancora più grande possa manifestarsi.

Questo è in ogni cellula del vostro corpo, questo è in ogni pensiero che passa nella vostra mente, questo è in ogni incontro che vivete con le persone intorno a voi.

Se vi rendete conto di questa alternanza e che la morte è veramente l’unico spazio di silenzio che vi unisce, forse potrete veramente iniziare a contemplare i misteri che riguardano l’altra dimensione. Vi relazionate all’aldilà e a quello che accade allo spirito in vita e oltre lo spirito e oltre la morte semplicemente continuando a percepire e a ragionare in una errata conservazione di concetti che riguardano semplicemente questo piano.

Sono stata con la morte in vita, che bello accompagnare quei momenti in cui l’anima lascia il corpo e vola via, l’anima lascia il corpo e vola via. Quanta energia, quanta gioia, quanto amore, quanta leggerezza, quanta grazia nel passaggio e osservando migliaia di morti io sono riuscita a vedere un amore infinito in questo.

Elisabeth Kubler-Ross's three stages of dying.

 

Seconda parte qui

 

Tarika Di Maggio è medium, ricercatrice metafisica e fondatrice di A.M.A. Accademia di Metafisica Applicata, e per essa è docente senior. E' attiva da più di venticinque anni nel campo della medianità, delle energie sottili, delle regressioni a vite precedenti. Conduce seminari sugli archetipi divini e sulle altre dimensioni dell'esistenza, su Magia ed altro.