Proteggerci da che cosa? Se non siamo centrati, radicati, in grado di sentire quello che è nostro, non siamo in grado di percepire quello che viene da fuori, da altre entità, da forme pensiero, da energie raccolte da qualche parte.

Diventare un po' più sensibili. L'intuizione è la guida dello spirito. Lo spirito può accedere ai piani sottili solo fidandosi dell'intuizione, è l'unico senso che abbiamo se vogliamo interagire con altre dimensioni.

...

Se abbiamo bisogno di una protezione energetica (psichica) è perché da una parte percepiamo la possibilità di una certa forma di interazione fra noi e gli altri, noi e l'esterno. A proposito di questa forma di interazione delle frequenze. Ormai anche la fisica ci viene incontro, sul fatto che noi esseri umani abbiamo un campo, emaniamo certe vibrazioni, e attraverso queste frequenze che percepiamo come sensazioni, ecco perché vi dico fidatevi delle vostre sensazioni, fidatevi del vostro istinto, perché l'osservanza del campo elettromagnetico che vibrano negli altri, nell'aria, noi le recepiamo immediatamente come sensazioni. Se siamo un canale pulito, se siamo centrati, la sensazione ci parlerà subito di quello che abbiamo davantia noi, quindi: con cosa sono in contatto? Con questo. Nell' aria c'è questo, con questo persona sto sentendo questa percezione.

L'unica cosa che potrete fare di fronte a una sensazione che arriva dall'esterno di fronte a voi, è fermarvi, centrarvi.

Si parlava del campo, la sua importanza parte da me, se sono un canale vuoto, da questo posso iniziare a percepire cosa ho intorno, e magari lo percepisco come sensazioni, ho sentito la tua curiosità, o inizio a percepirle come onde luminose, per chi ha un po' più di visione, come effetti psichedelici. Io sono veggente, quindi inizio a vedere questa roba che si muove, e può capitare anche a voi. Oppure il campo elettromagnetico che si manifesta attraverso le sensazioni, e questa è la prima cosa.

Noi abbiamo un corpo e questo corpo è accompagnato da altri sette corpi. Questi sette corpi uniti formano l'aura.

...

Immaginiamo: il guscio aurico, i sette corpi e gli scambi che avvengono attraverso i sette corpi. I sette corpi corrispondono ai sette chakra, questi settecorpi hanno una realtà più grande nelle sette dimensioni, o sette piani dell' esistenza. Esistono sette mondi.

Per avere una buona interazione, bisogna entrare nell' aura dell' altro, ma a che distanza? Diciamo mezzo metro si inizia a esser proprio dentro, dipende poi da ognuno di noi. Nei primi corpi eterico, astrale, mentale stanno entro il mezzo metro. Negli esseri illuminati invece ha dimensioni veramente più grandi. L'aura più grande è per certe anime o certe persone in certe dimensioni. Si può espandere, però generalmente l' aura mediamente in un metro si prende tutta, in mezzo ci siamo dentro. Allora, sette corpi: corpo fisico, il più denso, grossolano, fatto di atomi, energia. A volte ci teniamo così distanti: la fisica, la materia.

Tutto sembra che si dimostri, sì, scientificamente attraverso esperimento e casistica, ma abbiamo fatto troppa poca statistica di questi settori, dovremmo farne un po' di più così potremmo portarne le prove scientifiche, ma non le accetteranno mai: vorrebbe dire ribaltare un certo tipo di struttura. Fa comodo tenere l'uomo sotto delle leggi prettamente materiali, perché gli si impedisce di entrare in contatto con gli altri corpi e le altre dimensioni e di avvicinarsi il più possibile alla sua evoluzione, alla sua buddità, quindi più lo leghiamo alle leggi della materia, e più si tiene qua, e più si tiene qua, più ha bisogno di noi.

 

Tarika Di Maggio

 

Estratto da Seminario PROTEZIONE ENERGETICA

 

Tarika Di Maggio è medium, ricercatrice metafisica e fondatrice di A.M.A. Accademia di Metafisica Applicata, e per essa è docente senior. E' attiva da più di venticinque anni nel campo della medianità, delle energie sottili, delle regressioni a vite precedenti. Conduce seminari sugli archetipi divini e sulle altre dimensioni dell'esistenza, su Magia ed altro.